Design di esterni: arredare una terrazza

by giorgiaminozzi Email Condividi su Facebook:

Chi non vorrebbe una grande terrazza dove fare cene con gli amici e rilassarsi? Purtroppo, ben pochi di noi hanno grandi spazi esterni da sfruttare per il proprio tempo libero, ma anche un balcone piccolo può diventare uno spazio da dedicare al relax ed ai propri hobby se lo si organizza per benino.

In Italia siamo poco abituati a sfruttare le terrazze “mini”, ma i popoli nordeuropei, che di luce ne hanno meno di noi, sanno come far fruttare anche solo 2 metri quadrati.

  • Prima regola: piante e fiori. Un balcone privo di piante è un balcone triste, mentre per ravvivare un terrazzino bastano dei fiori semplici, come dei gerani o delle margherite. Se lo spazio è poco, è meglio acquistare dei vasi da balcone, che si possono rivolgere verso l'interno o verso l'esterno. Oppure, se si ha dello spazio sul muro, si può creare un giardino verticale appendendo dei vasetti alla parete. Nella scelta delle piante, non dimenticate di includere le piante anti-zanzare, che vi aiuteranno a proteggervi da fastidiosi ospiti.
  • Seconda regola: arredare. Per arredare un balconcino basta davvero poco: un paio di sedie ed un tavolino. L'importante è scegliere sedie e tavoli che si possano richiudere, in modo che possano all'occorrenza essere riposti in poco spazio. Se lo spazio è davvero troppo esiguo, perché non provare a guardare nel reparto camping di un negozio di articoli sportivi? Scoprirete che ci sono soluzioni a “spazio zero” e molto, molto economiche.
  • Terza regola: decorare. Non dimenticate infine di decorare, utilizzando cuscini, tessuti per tende e tappeti. Ma anche candele, vasi colorati, girandole e cestini. Con questi piccoli accorgimenti, anche un balconcino piccolo potrà diventare il luogo ideale per rilassarsi e passare momenti piacevoli da soli o in coppia.

(Per trovare materiali per l'arredo e la decorazione visitate il sito di Color Design!)


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Come Installare le tende da sole

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

Durante le stagioni più calde spesso nasce l'esigenza, sopratutto per le case esposte a sud, di “difendersi” dai raggi del sole diretti. La soluzione più adatta per questo scopo sono ovviamente le tende da sole; queste ultime, infatti consentono di proteggere dal calore e dai raggi del sole diretti e, al tempo stesso, rappresentano un elemento decorativo che consente di abbellire la facciata dell'abitazione. Non bisogna poi dimenticare che l'installazione delle tende permette di migliorare notevolmente anche l'efficienza energetica dell'immobile dato che la tenda evita il surriscaldamento eccessivo degli ambienti e quindi favorisce la riduzione dell'utilizzo di ventilatori e condizionatori.

É bene ricordare che, per l'installazione delle tende da sole su terrazzi, balconi e finestre di edifici condominiali è indispensabile controllare con attenzione il regolamento. Di solito il regolamento condominiale limita l'installazione di tende differenti da quelle già installate da altri condomini; in alcuni casi per installare tende diverse dalle altre è indispensabile il voto della maggioranza dei condomini. In ogni caso per l'installazione non conviene procedere autonomamente ma è sempre preferibile affidarsi ad aziende affidabili (nella Capitale ed esempio segnaliamo Portalandia, leader nella vendita e installazione di tende da sole a Roma).

Le tende parasole possono essere classificate in base al tipo di struttura e di sistema di apertura che le caratterizza. Ad esempio le tende tende a bracci si aprono per mezzo di due aste estensibili fissate su una struttura sulla quale è attaccato il tubolare. Solitamente questa soluzione è indicata per i balconi. Queste tipologie di tende possono essere agganciate al muro oppure al soffitto e possono prevedere diverse soluzioni :

  • senza cassonetto;
  • con il cassonetto a copertura torale;
  • con un semicassonetto.

Per quanto riguarda, invece, le modalità di fissaggio le principali sono le seguenti:

  • con piastre separate;
  • a barra quadra.

Le tende a caduta a differenza di quelle a bracci scendono verticalmente sulla facciata e quindi consentono di proteggere la casa frontalmente e lateralmente. Queste tende sono particolarmente indicate per finestre e balconi. Di solito queste tende possono essere suddivise in due parti una appunto a caduta verticale e l'altra che invece può sporgere dal balcone per consentire un maggiore passaggio d'aria.

Infine le tende a cappottina sono una tipologia di tende abbastanza visto che solitamente viene utilizzata per finestre e balconi ma sopratutto su edifici storici. Questa tenda è piuttosto bombata e garantisce una protezione laterale e frontale.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Come scegliere il compro oro con la migliore quotazione

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

La forte crisi finanziaria che sta investendo tutta l'Europa ma in particolar modo il Nostro Paese ha contribuito a peggiorare la già difficile situazione economica di moltissime famiglie italiane con conseguenti evidenti dal punto di vista dei consumi e degli investimenti. Sono sempre di più quindi i cittadini a dover rinunciare a beni secondari per mettere da parte qualche risparmio per l'acquisto dei beni di prima necessità; non è un caso quindi che negli ultimi anni siano aumentati i cittadini che, in base al reddito mensile, vengono considerati poveri.

Per queste ragioni sono sempre di più le famiglie italiane che decidono di mettere mano ai risparmi di una vita oppure scelgono di vendere i propri gioielli usati per racimolare qualche euro in più ed arrivare senza problemi alla fine del mese. Proprio per questo motivo i compro oro hanno visto negli ultimi anni una fortissima espansione su tutto il territorio italiano ma in particolare nelle grandi città come Milano e Roma.

Secondo una recente ricerca i compro oro attivi sul territorio sarebbero circa trentacinquemila: in pratica un compro oro ogni 4 mila abitanti. Per fare un esempio sono nella Capitale ci sono circa 800 negozi autorizzati: (tra i migliori compro oro di Roma segnaliamo Oro24 in via Nomentana) Bisogna comunque ricordare che si tratta di un fenomeno non sempre caratterizzato dalla massima trasparenza e non son mancati quindi casi di attività illecite a danno dei clienti. Ma come fare quindi per scegliere un compro oro affidabile e che offra una buona quotazione?

Secondo una recente indagine di Altroconsumo sarebbero decisamente pochi i Compro oro che operano nel rispetto della trasparenza: nello specifico un bracciale dal valore di circa 330 euro è stato quasi sempre sottovalutato (attorno ai 250 euro). Quando si sceglie un compro oro bisogna innanzitutto verificare che sia esposta la quotazione in tempo reale. In questo modo di potrà scegliere il compro oro con la migliore valutazione per grammo. Prima di recarsi nel punto vendita, inoltre, è preferibile informarsi sulle quotazioni dell'oro. Per rimanere aggiornati in tempo reale si può addirittura scaricare sul proprio tablet o smartphone un'apposita applicazione che riporti le valutazioni dell'oro per grammo. Naturalmente è consigliabile rivolgersi esclusivamente a compro oro in regola che abbiano quindi esposto la licenza. Infine ricordiamo che prima di recarsi dal compro oro è sempre preferibile pesare i propri beni con una bilancia di precisione per fare così una stima del peso complessivo dei gioielli che si vuole rivendere.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Impianti domotici: cosa sono e quali vantaggi offrono?

by davide prandini Email Condividi su Facebook:

Oggi si sente molto spesso parlare di case domotiche. Ma cos'è di preciso un impianto domotico e quali sono i suoi vantaggi? In sostanza la casa domotica è un'abitazione intelligente capace di modificare le configurazioni degli apparati in funzione di specifiche variabili esterne ed interne. Il fine ultimo degli impianti domotici è di garantire una migliore qualità della vita all'interno degli ambienti domestici, il tutto grazie all'ausilio dell'informatica e l'elettronica di ultima generazione. Per fare un esempio concreto un impianto domotico può consentire il monitoraggio e la gestione di diversi dispositivi presenti nell'abitazione come ad esempio gli impianti di climatizzazione e riscaldamento, sistemi di irrigazione, impianti audio e video,fax virtuali, telefoni voip (come questi) e così via. Grazie ai sistemi domotici è quindi possibile aumentare il comfort abitativo e al tempo stesso ottimizzare l'utilizzo di energia e garantendo quindi un maggiore risparmio energetico ed economico. Gli impianti domotici presentano diversi vantaggi in particolare per quanto riguarda le esigenze di monitoraggio e comfort all'interno dell'abitazione. Vediamo quali sono i principali vantaggi.

  • Facilità nella gestione. Nonostante le svariate possibilità offerte da questi sistemi, la tecnologia che li caratterizza è di semplice utilizzo (user friendly). I menu sono solitamente molto intuitivi e non presentano particolari difficoltà per gli utilizzatori.
  • Integrazione. Tutti gli apparati sono connessi al sistema e controllati da un'unica interfaccia
  • Accessibilità. I sistemi domotici si rivelano particolarmente utili per coloro che non sono pienamente autonomi, è il caso di persone disabili o anziani.
  • Gestione a distanza. I sistemi domotici possono essere gestiti a distanza tramite apposite applicazioni da installare sul cellulare o sul computer.
  • Flessibilità. Il sistema può inizialmente prevedere funzioni basilari ma nel corso del tempo può essere modificato e integrato con altre funzioni aggiuntive senza necessità di intervenire sui cablaggi.
  • Risparmio energetico. Il monitoraggio e la conseguente ottimizzazione dei consumi comportano un notevole risparmio energetico nonché economico.

Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

Organizzare una festa perfetta per carnevale

by giorgiaminozzi Email Condividi su Facebook:

La festa del carnevale è una delle più divertenti dell'anno. Nei sei giorni del carnevale succede di tutto: le strade si riempiono di coriandoli e festoni, irriverenti carri allegorici sfilano per le principali vie cittadine, i bambini si inseguono mascherati sfuggendo - per una volta - al controllo dei genitori. Anche il carnevale, però, ha le sue regole. Non sarà infatti carnevale se non riuscirete a reperire almeno i seguenti articoli:

  • Costumi carnevale: i costumi sono il pezzo forte. Senza la maschera, la festa del carnevale è una festa come un'altra. Con la maschera, il carnevale diventa un vero spasso, e non solo per i bambini. Sono sempre più diffuse, infatti, le feste in maschera che si svolgono dal giovedì al martedì grasso nei locali e nelle discoteche. La scelta del costume deve essere fatta con cura: se si esce in coppia o in gruppo, si consiglia di scegliere un travestimento a tema che coinvolga tutti. Le possibilità sono davvero infinite: si può spaziare dalle maschere tradizionali italiane (Pulcinella, Arlecchino, Colombina e così via) ai costumi ispirati a videogiochi, film o manga giapponesi. I costumi cuciti in casa fanno sempre grande scena, ma se non se ne ha la possibilità, si può rimediare con un costume confezionato in vendita presso un negozio: la scelta è ormai molto ampia.
  • "A carnevale ogni scherzo vale" è il proverbio più famoso e conosciuto che riguarda questa festa. Una delle regole per la buona riuscita di una festa di carnevale è dotarsi di giochi e scherzi. Si può osare di tutto, perché a carnevale non vi sono regole. Nata come festa durante la quale l'ordine sociale veniva sovvertito, oggi questa festa è un'occasione ludica per grandi e piccini. Per questo, scegliere gli scherzi o gli effetti speciali giusti per sbalordire gli amici è di fondamentale importanza.
  • Decorazioni: se siete voi gli organizzatori della festa, non potete certo tralasciare le decorazioni per il party. È importante che tutto sia a tema: festoni, palloncini, piatti e bicchieri di carta. Potete ad esempio scegliere un colore e decorare la location con accessori in tinta. Potete anche scegliere un vero e proprio tema per arredare la location. Qualche esempio? Bulli e pupe, anni settanta e hippies, revival anni 80, festa dei colori, le 4 stagioni, le maschere tradizionali, serata horror, le star del rock.
  • Il buffet "a tema": se tutto deve essere a tema, perché non fare anche un buffet carnevalesco? Non dimenticate i dolci tipici del carnevale (frappe e castagnole) e liberate la fantasia su tutto il resto, con cibi dolci e salati ispirati al carnevale!

 


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook:

       

<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 ... 19 >>