Come scegliere una casa in affitto

by giorgiaminozzi Email Condividi su Facebook:



A meno che non siate così fortunati da avere una casa di proprietà, almeno una volta nella vita vi troverete a dover prendere un appartamento in affitto. Apparentemente può sembrare una cosa semplice, ma non è assolutamente così, ecco quindi il vademecum per scegliere al meglio la vostra dimora.

 

La ricerca della zona

La prima cosa a cui dovrete far attenzione è la zona. Soprattutto se vi trovate ad abitare in una grande città, la vicinanza o meno da stazioni della metropolitana o da capolinea di autobus è fondamentale. Se siete auto-muniti potrete scegliere anche una zona non servita benissimo, visto che questo è uno dei motivi che fa salire o scendere il prezzo di un appartamento. Una volta che avrete individuato la zona iniziate a cercare, o tramite internet o tramite le agenzie, un appartamento che abbia le caratteristiche che desiderate.

 

Le visite alle case

Quando avrete selezionato un po' di annunci, cominciate a mettervi in contatto con i vari proprietari per richiedere un appuntamento. Ricordate molto bene che fare una buona impressione è sempre un vantaggio in più, anche se poi non sceglierete quell'appartamento.

Una volta che sarete entrati nella casa da valutare, osservate bene alcune cose:

  • Come è tenuta la casa: certo non sarà la Reggia di Caserta, ma è importante che la casa in cui state per entrare sia quantomeno tenuta bene. Se i muri sono sporchi e rovinati pretendete che venga data una mano di bianco prima che voi entriate.
  • Mobili: se la casa è disabitata aprite le varie ante e i cassetti dei mobili per verificare che siano in buono stato. Fate un giro in cucina per verificare di quali elettrodomestici potete disporre: la lavastoviglie è sicuramente un punto in più. Assicuratevi anche che l'appartamento abbia una lavatrice e che tutti gli elettrodomestici siano funzionanti.
  • Vicinanza con zone rumorose: verificate se nella zona sono presenti fabbriche o cantieri che possano produrre inquinamento acustico.
  • Traffico e parcheggio: cercate di capire se la zona in cui volete trasferirvi è troppo trafficata e se è molto difficoltoso trovare parcheggio.

 

Il contratto di locazione

Una volta che avrete scelto la casa che fa per voi dovrete stilare un contratto di locazione, e pretendere che venga correttamente registrato nell'ufficio competente. Le spese di registrazione verranno pagate per metà dal proprietario e per metà dall'inquilino.

Appena avrete preso possesso della casa ricordatevi che ci saranno anche altre spese a carico vostro, come la tassa sui rifiuti, il condominio e il bollino blu per la caldaia. Proprio a proposito dell'ultimo punto ricordatevi che deve essere fatto da personale autorizzato, quindi se per esempio siete dotati di una caldaia Vaillant, contattate il centro assistenza che opera nella vostra città. Nelle grandi città come Roma o Milano non avrete difficoltà a trovarne.

È importante sapere che se si dovesse rompere un qualsiasi elettrodomestico, la spesa è a carico del padrone di casa.

Un consiglio sempre gradito è di scegliere la casa anche in base alla serietà dei padroni di casa, in modo che possiate instaurare un bel rapporto e chiedere aiuto a loro in caso di necessità. E ricordatevi che spesso dietro ad una casa molto bella ed un affitto molto basso si nasconde qualche magagna.


Orchidee rare online.
Resta aggiornato cliccando su Mi Piace

Condividi su Facebook: